airplanearrow-downarrow-leftarrow-rightbrowsebutton-arrowbutton-backcircle-arrowclockcompassdiscountdownload-areadownload-filedownloadexternal-linkfaxfiltergridlogo-sanmarcomarkerspaint-jarprintprodotti-cercaprodotti-finitureprodotti-sistemireserved-arearollerroutesearchshareslider-arrow-leftslider-arrow-rightsocial-facebooksocial-googleplussocial-instagramsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-twittersocial-youtubesocialtelephoneuserweb

Oltre 100 anni di storia.
Dalle origini alla 4a generazione della famiglia Tamburini-Geremia

introduzione
introduzione
introduzione
introduzione
introduzione

Il Colorificio San Marco è stato fondato il 14 maggio 1962 da Pietro Tamburini e da sua figlia Alessandrina. Nel 1962 Alessandrina aveva 48 anni e, dopo avere lavorato come impiegata nell’azienda paterna, decise di trasformarla completamente dandole un’impostazione industriale. Amante di Venezia, abbandona il cognome dell’azienda paterna (Tamburini) e chiama la nuova avventura Colorificio San Marco. Il suo carattere caparbio, ambizioso, esigente, ma anche riservato, darà un’impronta indelebile ai valori del Colorificio San Marco, gestito oggi dalla quarta generazione di imprenditori.

1890-1920
Le guerre e la prima impresa di Pietro Tamburini: una latteria a Venezia.

1890-1920
1890-1920
1890-1920

Pietro Tamburini nasce a Venezia nel 1890, in una casa vicino a un negozio di drogheria che vende spezie e terre colorate. Frequentando il negozio e aiutando il gestore, Pietro ascolta i discorsi dei clienti, «dipintori decorativi e artigiani capaci». Si parla di intonaci, marmorini, stucchi da utilizzare per decorare i bei palazzi di Venezia, ma anche dei componenti e dei metodi migliori per produrli. Pietro acquisisce così, in modo inconsapevole, le prime conoscenze di base.

Nel 1911 Pietro Tamburini parte per la Guerra italo-turca di Libia, rientra nel 1912 e dopo due anni riparte per il fronte della Grande Guerra, da cui tornerà nel 1918. Appena tornato pensa subito al lavoro, e apre una latteria a Venezia.

Nel 1919 sposa Elisa Pejeroni, matrimonio dal quale nel 1921 nasce la figlia Alessandrina.

1920-1929
Dal commercio all’industria, ma arriva la crisi del 1929. Finisce l’avventura nel latte.

1920-1929
1920-1929

Le latterie passarono da una a tre. Pietro andava a raccogliere il latte nelle campagne limitrofe a Venezia, e poi lo distribuiva direttamente alle famiglie residenti in città, senza alcuna lavorazione. Le famiglie dovevano bollire il latte per eliminare le impurità prima di berlo.

In occasione di un soggiorno in Francia, Pietro Tamburini aveva appreso che esisteva la pastorizzazione, un processo di risanamento termico particolarmente adatto agli alimenti liquidi che minimizzava molto i rischi per la salute. Pietro nel 1927 lo introdusse in Italia aprendo uno stabilimento a Mestre, anticipando di due anni la prima normativa italiana sulla pastorizzazione del maggio 1929.

Nel 1929 il crollo della Borsa di New York e la successiva crisi economico-finanziaria degli Stati Uniti determinarono un forte impatto sull’economia italiana: la contrazione della produzione industriale, la riduzione dei salari e dei consumi, la disoccupazione, le battaglie sindacali indussero Pietro Tamburini a chiudere l’attività nel latte.

Elisa Pejeroni, moglie di Pietro Tamburini, muore nel 1925 dopo soli sei anni di matrimonio, quando Alessandrina ha 4 anni.

1930-1951
La seconda impresa di Pietro Tamburini: la vendita di terre colorate.

1930-1951
1930-1951

Uomo entusiasta costantemente in movimento, Pietro Tamburini riconsidera le terre colorate che aveva conosciuto da giovane. Nel 1930 cominciò a vendere alle drogherie per conto di vari produttori le terre e altre materie prima per la pittura, ma ben presto il suo spirito imprenditoriale lo stimolò a rimettersi in proprio.

Nel 1937 si trasferisce con la famiglia a Treviso, e allestisce un magazzino vicino alla stazione ferroviaria: così l’approvvigionamento delle terre bianche e colorate trasportate dai vagoni sarebbe stato più rapido ed economico, ciò che gli dava un vantaggio rispetto ai concorrenti.

Arriva la 2a guerra mondiale e nel settembre del 1943 un forte bombardamento aereo su Treviso costringe la famiglia a lasciare la città e quindi a trasferire il magazzino di terre.

La famiglia si sposta a Mogliano Veneto, dove nel 1947 Pietro Tamburini acquista una classica villa veneta che aveva un ampio terreno agricolo adiacente. In omaggio alla diffusa consuetudine italiana di combinare in un unico luogo famiglia e azienda, “casa e bottega”, Pietro impianta sul terreno confinante con la villa un capannone residuato di guerra (un hangar prefabbricato) e vi colloca il nuovo magazzino. Qui abiterà e lavorerà e qui abita ancora oggi la famiglia Geremia.

Nel 1950 Pietro ha 60 anni, sente di non avere nulla di sicuro e ricomincia a visitare fornitori e clienti, a guardarsi attorno. Sua figlia Alessandrina ha 30 anni; nel 1944 si è laureata in Economia e Commercio a Cà Foscari perché sogna di insegnare, ed è sposata con Lerio Geremia. Alessandrina ha già una figlia e fa qualche supplenza a scuola. Vince il concorso per insegnare, ma nel 1951 nasce Federico.

1952-1962
Di nuovo dal commercio all’industria.
Arriva la 2° generazione e nasce il Colorificio San Marco.

1952-1962
1952-1962
1952-1962
1952-1962

Pietro Tamburini trattava diversi prodotti: olio di lino crudo e cotto, solfuro di zinco, solfato di calcio, ossido di ferro, e altri. Il mercato però stava cambiando e chiedeva prodotti “pronti e rapidi”, quindi gradualmente Pietro Tamburini, memore anche delle conoscenze che aveva acquisito da giovanissimo nel negozio di drogheria, aveva cominciato a combinare le materie prime e a sperimentarle su vari tipi di superfici . In tal modo apprendeva a fondo le caratteristiche dei prodotti e le modalità di applicazione, e riusciva a consigliare i clienti nella scelta del prodotto adatto alle loro esigenze.

Furono questi i primordi della ricerca e sviluppo, destinata a diventare un pilastro del successo del Colorificio San Marco. Tamburini si trovò così a vendere materie prime, semilavorati e prodotti pronti all’uso, e a dispensare consigli ai clienti su come utilizzarli.

Il capannone non era più sufficiente, e Pietro Tamburini acquistò altri terreni vicini all’abitazione per installare i primi impianti di produzione di olio cotto e di resine.

Il giro dei clienti si allargò e ora anche i fornitori venivano a proporre i loro prodotti e le loro “ricette” a Pietro Tamburini a Mogliano Veneto.

Ben presto ci fu bisogno di un’impiegata per fare le fatture ai clienti: Alessandrina decise allora di lasciare la scuola e di cominciare a lavorare alla ditta Pietro Tamburini.

Il 14 maggio 1962 fu costituito il Colorificio San Marco, con un capitale sociale di 30 milioni di lire.

1963-1978
Nasce il logo del leone rosso, la R&D si mette il camice bianco.
Entra la 3° generazione Geremia.

1963-1978
1963-1978
1963-1978
1963-1978
1963-1978
1963-1978
1963-1978
1963-1978

Il capitale sociale passa da 30 a 110 milioni di lire nel 1967, un aumento di quasi il 500% a soli 4 anni dalla nascita.

Lo stabilimento di Mogliano non riusciva più a contenere la crescita, e nel 1965-66 il Colorificio San Marco si trasferisce in una nuova area a Marcon, ulteriormente ampliata negli anni 70. A ribadire la dimensione che andava assumendo, nel 1972 l’azienda diventa una SpA e nello stesso anno Alessandrina Tamburini, ora amministratrice unica, deposita presso la Camera di Commercio di Padova il marchio del leone rosso stilizzato su fondo bianco con scritte nere: rosso, bianco e nero costituiranno da quel momento elementi portanti della “marca” San Marco.

Gli anni 60 e 70 furono un periodo di importanti cambiamenti, tutti tesi a creare un’impresa solida, moderna, proiettata nel futuro, capace di conciliare con sapienza e lungimiranza tecnologie e processi avanzati e competenze professionali dei collaboratori. La produzione viene organizzata in turni di lavoro, le consegne ai clienti sono esternalizzate a corrieri e padroncini, la responsabilità delle varie funzioni è affidata a persone ambiziose, capaci, di provata etica. Sono collaboratori che faranno la storia del Colorificio San Marco. Assunti giovanissimi con mansioni modeste, rimarranno in azienda anche oltre 50 anni attraversando tutta la gerarchia, in verticale e talvolta in orizzontale, sempre accompagnati da una Direzione attenta a spostare il traguardo più in là e a premiare il merito. Con il suo stile imprenditoriale in parte ereditato dal padre, Alessandrina è l’artefice dei valori che creano la cultura di San Marco: forte ambizione, caparbietà, rispetto e attenzione per i collaboratori, trasparenza, etica.

Le drogherie, sollecitate dai loro clienti pittori e imbianchini, avevano cominciato a chiedere prodotti più professionali con particolari caratteristiche applicative e di resistenza: la San Marco li preparava su misura come un sarto, attestandone l’idoneità dopo una serie di prove e collaudi. Pietro Tamburini capisce che era giunto il momento di industrializzare almeno parte della produzione: nascono così le prime vernici in barattoli prodotte in diverse tinte e formati, che vengono denominate con un nome proprio: Tamoil ,Tamolac, Wasserlac, Wettercolor , Global, ciascun nome studiato per comunicare il prodotto o il beneficio offerto al cliente.

Per governare questa evoluzione, che aprirà la strada alle pitture e vernici per l’edilizia, la ricerca e sviluppo si mette il camice bianco e la sua “testa” si trasferisce in un nuovo laboratorio.

Nel 1978 entra in azienda Federico Geremia, figlio di Alessandrina Tamburini e di Lerio Geremia. Dopo la laurea all’Università Cà Foscari di Venezia nel 1975, il servizio militare, un master, e una breve esperienza lavorativa, assume l’incarico di Responsabile dell’Ufficio Acquisti. Siamo arrivati alla 3° generazione.

1979-1995
I gloriosi anni 80 con i CAP e nuovi macchinari.

1979-1995
1979-1995
1979-1995
1979-1995
1979-1995
1979-1995
1979-1995
1979-1995
1979-1995
1979-1995

«L’azienda è a un punto tale in cui o segue il progresso o non lo segue più»: così si conclude la relazione che Alessandrina Tamburini aveva preparato per un “Incontro di riflessione – miglioramento” nel 1982. Il Colorificio San Marco doveva superare schemi fissi e vecchie abitudini , doveva aggiornarsi, doveva aumentare l’efficienza per ridurre le code degli arretrati. Non si trattava di poco lavoro, ma di tanto lavoro!

Sta per cominciare un periodo di forte crescita del Colorificio San Marco, trainata da tre grandi vettori: la Ricerca & Sviluppo, la produzione e il settore commerciale.

Mentre fino ad allora le innovazioni erano tirate dalle richieste dei clienti, il nuovo laboratorio di ricerca, costantemente rafforzato, diventa motore di un’innovazione originale. Il sistema Unimarc , lanciato nel 1982 e ancora oggi presente nel portafoglio prodotti di San Marco, segna lo spartiacque tra l’adattamento alle richieste dei clienti e la messa a punto di una proposta autonoma e innovativa.

La campagna di lancio fu organizzata da Federico Geremia, che nel 1980 era diventato Direttore Commerciale. Federico, che soleva impostare la sua attività con metodo e rigore, aveva messo a punto una campagna di lancio importante: ogni distributore riceveva un kit contenente poster, depliant, volantini, espositori, cartelle colori, materiale di merchandising. In tal modo stimolava sia il sell in sia il sell out e la notorietà del Colorificio San Marco. Fu un grande successo.

Per rafforzare la rete distributiva anche in vista di successivi lanci di prodotti, il dr. Geremia crea i Centri di Assistenza Professionale (CAP), destinati a diventare un elemento chiave del successo commerciale di San Marco.

Nella seconda metà degli anni 80 il Colorificio San Marco si dota di macchinari avanzati - spettrofotometro, tintometro, mixer - per alleviare il lavoro manuale e spostarlo su attività a maggiore valore aggiunto come la progettazione e il controllo. Alcuni di questi macchinari verranno installati anche presso i CAP più evoluti, aumentandone la competenza e la professionalità.

Nel 1990 il dr. Federico Geremia diventa Direttore Generale e nel 1995 Presidente del Colorificio San Marco. La mamma, dr.ssa Alessandra Tamburini, assume la carica di Presidente Onorario.

1996-2017
Il Colorificio San Marco cresce e diventa internazionale.
Entra la 4°generazione Geremia.

1996-2017
1996-2017
1996-2017
1996-2017
1996-2017
1996-2017
1996-2017

Il cambio al vertice del Colorificio San Marco segna l’inizio di un ulteriore profondo rinnovamento dell’azienda, Mentre si consolida la rete commerciale dei CAP in Italia, San Marco avvia un’ambiziosa strategia di internazionalizzazione che porta i prodotti dell’azienda in oltre 100 Paesi. Il dr. Federico Geremia decide di dare un’ulteriore spinta alla crescita del fatturato attraverso acquisizioni mirate e sinergiche con i prodotti e la cultura di San Marco.

1997 - Acquisizione di ABC
1998 – Costituzione di Eurobeton S.r.l.
2004 – Costituzione di San Marco Adriatica d.o.o.
2005 – Costituzione di San Marco Kolor S.r.o
2005 - Acquisizione di Tjaeralin S.A.
2008 - Costituzione di San Marco DT BH d.o.o.
2010 – Acquisizione di Novacolor S.r.l.

In circa 10 anni si costituirà il San Marco Group, con 9 siti produttivi/commerciali e un portafoglio di 6 marchi.

San Marco è diventata un’azienda importante, con una forte posizione competitiva in Italia e una costante ascesa sui mercati esteri. Si apre ora una fase impegnativa di ulteriore sviluppo e consolidamento: sotto la supervisione attenta di Federico Geremia già lavorano i tre figli Mariluce, Marta e Pietro, la quarta generazione.